25 anni di Ecosistema Urbano

Il prossimo 29 ottobre, alla Triennale di Milano, Ambiente Italia presenta i risultati del rapporto Ecosistema Urbano 2018 (scarica il programma).

 

eu

 

Giunto alla venticinquesima edizione, Ecosistema Urbano rappresenta ormai una delle più importanti e consolidate esperienze di benchmarking delle performance ambientali urbane fra quelle sviluppate a livello europeo. Il sistema di reporting comparativo è stato progettato e implementato da Ambiente Italia a partire dagli anni ’90, sulla base delle numerose esperienze di reporting ambientale acquisite dalla nostra organizzazione in quegli anni (decine di rapporti sullo stato dell’ambiente delle città italiane, e numerosi progetti sviluppati sul tema a livello sia nazionale che europeo, fra i quali in particolare l’implementazione di un sistema europeo di indicatori comuni europei per l’ambiente urbano). Pur essendosi evoluto negli anni, l’approccio metodologico originale di Ecosistema Urbano resta sostanzialmente lo stesso, prevedendo da un lato il coinvolgimento, da parte di Legambiente, dei circoli locali per l’acquisizione di dati originali, e dall’altro la raccolta sistematica di dati disponibili presso fonti ufficiali. Negli anni è notevolmente aumentata la completezza e l’affidabilità dei dati direttamente raccolti presso le amministrazioni comunali, rendendo il rapporto uno strumento sempre più solido sotto il profilo tecnico-scientifico e metodologico. Come tutte le edizioni presentate negli ultimi anni, e consolidate nella collaborazione fra Legambiente, Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore (che pubblica il rapporto ogni anno in un inserto speciale), Ecosistema Urbano 2018 compara le performance dei 104 comuni capoluogo italiani adottando un indice di sintesi elaborato da Ambiente Italia e popolato con i dati originali raccolti da Legambiente e con quelli reperiti in database pubblici (ISTAT e ACI).
L’indice finale del rapporto Ecosistema Urbano è composto da 17 indicatori che coprono sei principali aree tematiche – aria, acque, rifiuti, mobilità, ambiente urbano, energia – e consentono di valutare tanto i fattori di pressione e la qualità delle componenti ambientali, quanto la capacità di risposta e di gestione ambientale delle amministrazioni comunali. L’indice Ecosistema Urbano, insieme ai 17 indicatori che lo compongono, può rappresentare – per le città italiane – una importante base conoscitiva e un supporto metodologico per il monitoraggio del raggiungimento dell’obiettivo di sviluppo sostenibile n.11, dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite: “Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili”.

 

Vuoi approfondire la metodologia di calcolo dell’indice Ecosistema Urbano? Scarica la scheda.