Abstract:

Il Comune di Gorla Maggiore (VA) e l’Autorità di Bacino Fiume Po hanno commissionato un impianto di fitodepurazione per il trattamento delle acque del sistema fognario.

E’ stato realizzato un impianto di tipologia SFS-v + FWS

Numeri:

7.014 m2

Area dell’impianto

2017 P.E.

Persone Equivalenti

820.000 €

Costo del progetto

Contesto:

 

Il sistema fognario di Gorla Maggiore era costituito da tre settori che, in condizioni di tempo secco, tramite un collettore, portavano gli scarichi al depuratore di Olgiate Olona. Con eventi meteorici significativi, invece, si attivavano degli sfioratori che deviavano le acque piovane in eccesso e quindi i reflui direttamente nel Fiume Olona. Questo provocava effetti di rigurgito idraulico nella fognatura, oltre agli ovvi problemi legati al non trattamento degli scarichi. Per questo si è proceduto alla realizzazione di un sistema di fitodepurazione e ad un sistema di laminazione delle piene prima dello sbocco nel corpo recettore.

Il progetto:

Il progetto pilota di trattamento delle acque di sfioro di uno degli scolmatori della fognatura del Comune di Gorla Maggiore (VA) con sistemi depurazione naturale deriva dallo “Studio di fattibilità di sistemi naturali di depurazione delle acque di sfioro da reti fognarie” commissionato dall’Autorità di Bacino del Fiume Po.

Lo studio, condotto in collaborazione con la Regione Lombardia, ha preso in esame il bacino del Lambro-OlonaSeveso e ha avuto come esito finale l’individuazione di tre siti pilota sui quali sono stati progettati interventi di depurazione naturale.

L’intervento interessa uno scolmatore posizionato lungo il fiume Olona e permette sia il trattamento delle acque di prima e seconda pioggia, sia la riduzione del rischio idraulico, attraverso la costruzione di una vasca volano, che ha la funzione di laminare le portate di drenaggio urbano durante gli eventi meteorici prima dello scarico nel fiume.

Per il trattamento delle acque di prima pioggia (Q ≤ 0,64 m3/s) è prevista la seguente filiera di trattamento:

  • vasca di sedimentazione e dissabbiatura, munita di sistema di grigliatura automatica preliminare in testa posizionato sulla sezione di ingresso;
  • sistema di filtrazione estensivo per acque di pioggia costituito da n°4 vasche funzionanti in parallelo avente superficie complessiva pari a 3800 m2;
  • sistema a flusso libero (FWS) di superficie utile pari a circa 3000 m2;
  • scarico nel corpo idrico recettore (Fiume Olona).

Le acque di seconda pioggia (Q > 0,64 m3/s) vengono inviate direttamente al sistema a flusso libero finale. Il FWS è inserito all’interno di una vasca volano dimensionata per scaricare nel Fiume Olona una portata mai superiore a 0,7 m3/s (40 l/s ha) laminando un volume idraulico di 7700 m3.