Il progetto:

Ambiente Italia ha fornito supporto operativo ai sei comuni dell’Unione Valle Samoggia nella ricostruzione dell’inventario Base delle Emissioni e nello sviluppo del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES); nella progettazione, sviluppo e coordinamento tecnico di un servizio energia sovracomunale e di una rete di 6 sportelli comunali; nella realizzazione di moduli formativi per i tecnici comunali e per i responsabili degli sportelli energia; nella progettazione, organizzazione e coordinamento tecnico di attività di capacity building a livello sia locale che provinciale, rivolte a cittadini, utenti finali, tecnici e professionisti.

 

Ambiente Italia ha svolto un ruolo concreto di indirizzo e coordinamento nei confronto delle amministrazioni dell’Unione Valle Samoggia, individuando e sviluppando strumenti di supporto operativo per la programmazione, progettazione e diffusione di azioni volte alla promozione del risparmio energetico e delle fonti rinnovabili sul proprio territorio e, quindi, per la concreta implementazione di una strategia energetica locale.

Numeri:

9 Attività

di formazione svolte

6 Comuni

Coinvolti

2010 – 2013

periodo di svolgimento

Il contesto:

L’Unione di Comuni Valle del Samoggia comprende i comuni di Bazzano, Castello di Serravalle, Crespellano, Monte San Pietro, Monteveglio, Savigno, situato in provincia di Bologna e avente una popolazione compresa tra i 2.800 e i 10.800 abitanti. L’intercomunalità ha costituito l’elemento guida dell’intero progetto.

 

Attività svolte:

Le attività di Ambiente Italia si sono divise in due macro-aree: Formazione e Informazione e  Interazione con la Pianificazione Urbanistica.

La campagna ha previsto la realizzazione di iniziative di informazione specialistica indirizzata a diverse tipologie di portatori di interesse. Sono stati realizzati:

  • 3 laboratori didattici per gli insegnanti delle scuole primarie dei 6 Comuni coinvolti nel progetti
  • 3 seminari di approfondimento tecnico su efficienza energetica in edilizia per tecnici e professionisti della provincia di Bologna
  • 2 seminari di approfondimento su quadro normativo, politiche e strategie locali per la sostenibilità energetica rivolti a tecnici e amministratori

In ogni Comune dell’Unione, sono stati realizzati due laboratori domestici finalizzati a fornire consapevolezza, ai cittadini e agli utenti finali, consumi energetici, delle potenzialità di riduzione degli stessi e degli interventi da attuare, dei costi e delle forme di incentivo o sostegno finanziario disponibili o attivabili.

Tali informazioni sono state integrate con consigli pratici su come utilizzare le tecnologie e su quali comportamenti tenere per ridurre i consumi. La realizzazione dei laboratori è stata accompagnata dalla predisposizione di materiale informativo in forma di brochure cartacea “risparmiare energia in casa” per la distribuzione diretta presso gli sportelli. La brochure è una guida ragionata agli interventi per ridurre i consumi e aumentare l’efficienza energetica nelle abitazioni e fornisce informazioni su come usare le energie rinnovabili e risparmiare energia in casa, tagliando i costi delle bollette e riducendo le emissioni di gas serra.

Nell’ambito della definizione degli strumenti di attuazione del PAES un approfondimento è stato dedicato alla verifica delle possibilità di interazione tra la pianificazione energetica e la programmazione, pianificazione o regolamentazione urbanistica, territoriale e di settore di cui i Comuni già disponevano e alla individuazione delle modalità con cui trasformare le indicazioni del PAES in norme/indicazioni al loro interno.

Tra questi, gli strumenti urbanistici e di regolamentazione edilizia (PSC e RUE) sono apparsi quelli con le maggiori potenzialità di integrazione e i maggiori sforzi sono stati indirizzati a rendere coerenti e in linea gli obiettivi e le previsioni delle due pianificazioni. In accordo con tecnici e amministratori dell’Unione, sono stati proposti elementi regolatori che hanno introdotto, in particolare nel PSC in forma associata in fase di predisposizione, requisiti minimi più stringenti rispetto alla normativa nazionale e regionale vigente per stimolare, in armonia con le tendenze naturali del mercato edilizio, una produzione edilizia di alta qualità anche dal punto di vista energetico.

Scarica qui la scheda del progetto