Il progetto:

Lo studio di incidenza realizzato da Ambiente Italia per la Regione Valle d’Aosta ha ad oggetto l’adeguamento del Piano regionale di gestione dei rifiuti, approvato con deliberazione del consiglio regionale n.3188/XI del 15 aprile 2003 e richiamato dalla L.R. n. 31/2007, secondo i nuovi indirizzi ed orientamenti formulati dal Consiglio regionale con propria deliberazione n. 667/XIV  in data 30 luglio 2014 e le successive indicazioni emerse in fase di predisposizione del Piano, attraverso il confronto con la Terza Commissione Consiliare “Assetto del territorio”, oltre che con l’Assessorato regionale all’Ambiente e Territorio e gli Uffici regionali competenti.

Case Study Valle d'Aosta

Attività svolte:

Ambiente Italia ha realizzato una Relazione di incidenza, secondo le indicazioni riportate nell’Allegato A della DGR 970/12 contenente:

  • Elaborati cartografici in scala adeguata dell’area interessata dal SIC, pSIC, SIR o ZPS, con evidenziata la sovrapposizione dell’intervento del piano;
  • Descrizione qualitativa degli habitat e le specie faunistiche e floristiche della zona interessata dalle previsioni del piano;
  • Lista degli interventi di trasformazione previsti e le relative ricadute in riferimento agli specifici aspetti naturalistici;
  • In relazione agli impatti stimati, illustrazione delle misure mitigative che si intendono applicare e le relative modalità di attuazione;
  • Indicazioni sulle eventuali compensazioni, ove applicabili a fronte di impatti previsti, anche di tipo temporaneo. Le compensazioni dovranno essere funzionalmente ed ecologicamente equivalenti alla situazione antecedente all’impatto.

I riferimenti normativi presi in esame da Ambiente Italia per redigere la Relazione di Incidenza sono:

  • Normative Europee

La Rete Natura 2000 è costituita da Siti d’Importanza Comunitaria (SIC) e dalle Zone di Protezione Speciale (ZPS),  definiti rispettivamente dalla Direttiva Habitat (92/43/CEE) e dalla Direttiva Uccelli (79/409/CEE, oggi sostituita dalla Direttiva 2009/147/CEE).

Per garantire lo stato di conservazione dei Siti Natura 2000 la Direttiva Habitat (articolo 6) stabilisce che qualsiasi piano o progetto non direttamente connesso e necessario alla gestione del Sito, ma che possa avere su di esso incidenze significative, è oggetto di un’opportuna Valutazione di incidenza.

  • Normativa Nazionale

La Direttiva Habitat è stata recepita dallo Stato italiano con DPR 357/1997 e modificato dal successivo DPR 120/2003 che, all’art. 6, disciplina la procedura di valutazione di incidenza.

  • Normativa Regionale

In Regione Valle d’Aosta la principale normativa di riferimento per la valutazione di incidenza è costituita dalla DGR n. 970/12 “Approvazione della disciplina per l’applicazione della procedura di valutazione di incidenza, ai sensi dell’art. 7 della L.R. 8/2007, concernente disposizioni in materia di conservazione degli habitat naturali e seminaturali, della flora e della fauna selvatiche di cui alle direttive CEE 92/43 E 79/409 (revoca della D.G.R. 1815/2007”

Clicca qui per leggere la scheda del progetto.